Navigator: le ultime novità

Negli ultimi mesi non si è parlato d’altro. La figura del Navigator infatti è stata tra le più richieste soprattutto da laureati e neolaureati.

A pochi giorni dalla pubblicazione sono state ricevute già 38.052 domande, 13 volte i posti messi a bando.

Il 18 Aprile l’Anpal ha pubblicato il bando per la selezione dei 3.000 Navigator, le figure che forniranno assistenza tecnica al personale dei Centri per l’Impiego nella ricerca di lavoro ai beneficiari del Reddito di Cittadinanza.

Tra i candidati, al momento, la laurea conseguita dalla maggioranza è quella in Giurisprudenza(13.738 persone). A seguire Psicologia ( 7.199), Scienze economico-aziendali (5.294), Scienze della Politica (3.195) e Scienze dell’economia con (3.007).

Dai primi dati si nota anche che sono pervenute più domande dal genere femminile e l’età della maggior parte dei candidati si aggira tra i 30 e i 40 anni.

Per il Concorso sono attese tra le 100mila e le 150mila candidature ma nonostante i numeri Anpal pubblicherà la graduatoria di ammissione già la settimana dopo il termine per la trasmissione delle domande.

La prima scrematura per la selezione di 60mila ammessi alle prove, verrà fatta sulla base dei titoli: saranno determinanti il voto di laurea e l’età dei candidati.

Infatti, secondo le disposizioni contenute nell’Avviso, verranno ammessi individui:
- con il miglior voto di laurea;
- più giovani (in caso di ulteriore parità saranno ammessi tutti i candidati con la stessa età).

Gli elenchi provinciali degli ammessi alla prova saranno reperibili sul sito www.selezionenavigator.anpalservizi.it la settimana dopo la chiusura delle candidature.

Comunicazioni sulla prova, invece, saranno pubblicate in contemporanea sul sito www.selezionenavigator.anpalservizi.it oppure su www.lavoro.gov.it e almeno 10 giorni prima dalla data della prima prova.

La prova di selezione consiste in un test, da completare in 100 minuti, con 100 domande a risposta multipla su discipline così ripartite:

10 quesiti di cultura generale;
10 quesiti psicoattitudinali;
10 quesiti di logica;
10 quesiti di informatica;
10 quesiti sui modelli e strumenti di intervento di politica del lavoro;
10 quesiti sul reddito di cittadinanza;
10 quesiti sulla disciplina dei contratti di lavoro;
10 quesiti sul sistema di istruzione e formazione;
10 quesiti sulla regolamentazione del mercato del lavoro;
10 quesiti di economia aziendale.

Verranno organizzate più sessioni d’esame per garantire un buon andamento della selezione. Ogni test sarà differente, in quanto le domande saranno estratte da un archivio e riprodotte in ordine casuale.

Le seguenti valutazioni determineranno il punteggio finale:

1 punto per ogni risposta esatta;
0 punti per ogni risposta non data;
– 0,4 per ogni risposta errata o multirisposta.

Supereranno la selezione i candidati con un punteggio minimo di 60/100.

I vincitori verranno individuati tra i più meritevoli delle graduatorie provinciali, mentre gli idonei non vincitori potranno essere ripescati nei 24 mesi successivi in caso di necessità di organico nella provincia prescelta o nelle limitrofe.

Le graduatorie verranno pubblicate sul sito entro 7 giorni dall’ultima sessione d’esame.

Per prepararsi al meglio, ICOTEA eroga il Corso di Formazione Navigator, destinato a tutti coloro i quali al concorso.

Per qualsiasi informazione, è possibile visitare il sito oppure inviare una mail a icotea@icotea.it.