Alunni di 'culture diverse' e Bisogni Educativi Speciali

Gli alunni stranieri sono oggi considerati come possibili “portatori” di Bisogni Educativi Speciali (BES). Ad ogni modo, è senza dubbio più corretto affermare che tutti gli alunni, in determinati momenti del loro percorso formativo, possono avere dei bisogni speciali.

L’espressione “Bisogni Educativi Speciali” è diventata di uso comune in Italia dopo l’emanazione della Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012, la quale asserisce che “In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”.

 

Le norme attuali sui BES fanno quindi riferimento anche agli alunni stranieri. Ma chi sono gli alunni appartenenti a “culture diverse”? Le Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri a cura del MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) del 19 febbraio 2014 descrivono varie tipologie: ad esempio, alunni con cittadinanza non italiana, minori non accompagnati, alunni figli di coppie miste, alunni arrivati per adozione internazionale, ecc.

Per orientarsi in un mondo così complesso e ricco di “definizioni”, ICOTEA, Istituto Formativo del settore Scuola, autorizzato dal MIUR con Decreto n. AOODGPER: 6833 del 19/09/2012 (per approfondire, si veda il link www.icotea.it/accreditamenti-e-certificazioni/), propone un Master specifico dal titolo B.E.S. Bisogni Educativi Speciali – Personalizzazione dell’Apprendimento, con l’obiettivo di fornire gli strumenti necessari per riconoscere gli alunni stranieri con Bisogni Educativi Speciali e rispondere alle loro esigenze.

 

ICOTEA è un Istituto accreditato dal MIUR, pertanto l’attestato che sarà rilasciato ha valore legale e sarà spendibile per collaborazioni presso Istituti di Cultura all’estero, Enti Locali, Scuole, Istituzioni Pubbliche Private e per il Settore della Mediazione Culturale e Linguistica.

 

Il percorso di studi è fruibile completamente online, affronta in modo completo ed esaustivo sia gli aspetti conoscitivi che metodologici ed è finanziabile con il Bonus Docenti e con un Voucher Formativo Finanziato. Tutte le informazioni al link http://bit.ly/1MYLQp9 o scrivendo a icotea@icotea.it .