Icotea_in relazione alla questione dei 24 crediti

In relazione alla questione dei 24 cfu richiesti per l’accesso al concorso per Docenti 2018, si ritiene necessario fare le seguenti precisazioni:

- l’istituto ICOTEA lavora da oltre 20 anni nel settore della formazione, producendo risultati la cui qualità è stata attestata da numerosi riconoscimenti ed accreditamenti da parte del MIUR e di altri Ministeri (riscontrabili nell’apposito pagina web “Accreditamenti Ministeriali” link del sito www.icotea.it). Pertanto, non è l’occasione del Concorso docenti 2018 a spingere Icotea a cimentarsi in modo estemporaneo nell’ambito delle attività formative.

- Gli attestati rilasciati da ICOTEA sono sempre stati proficuamente utilizzati per l’aggiornamento delle graduatorie scolastiche ( dimostrabili per migliaia di casi )e per la formazione obbligatoria dei docenti. Essi favoriscono inoltre il conseguimento di Crediti Formativi Professionali validi per l’aggiornamento e la formazione continua.

- Più specificamente, in virtù del Decreto MIUR del 23/09/2013, con il quale ICOTEA è stato autorizzato ad istituire Corsi di studi superiori in Scienze della Mediazione Linguistica e a rilasciare titoli equipollenti ai diplomi di laurea conseguiti nelle Università, l’ Istituto è entrato a far parte delle articolazioni del sistema formativo universitario.

- Sia il Decreto Legislativo del 13 aprile 2017, n.59, all’art.5, che il Decreto Ministeriale del 10 agosto 2017, n.616, all’art. 3, limitano l’accesso ai concorsi per posti di docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado, a coloro che posseggono anche 24 crediti formativi universitari nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie didattiche e che garantiscono comunque il possesso di almeno sei crediti in ciascuno di almeno tre degli ambiti disciplinari testè indicati.

- In occasione dell’emanazione del citato Decreto legislativo 59/’17, ICOTEA ha intuito che, in assenza di una dettagliata precisazione normativa, le tabelle disciplinari alle quali afferire per le discipline prescritte fossero quelle già in vigore, come poi confermato dal successivo D.M. 616/’17. Inoltre, la modalità di conseguimento extra-curriculare dei citati crediti, indicata nelle due disposizioni ministeriali, legittimava e legittima tuttora l’utilizzazione dei Master come congrui e rispondenti percorsi formativi, da ICOTEA sempre erogati con risultati di riconosciuta qualità.

- Fermo restando che è quantomeno stridente che un Istituto autorizzato ad emettere titoli equipollenti ai Diplomi Universitari debba poi considerarsi esterno al sistema universitario, è evidente che le norme citate, nel limitare a 12, sui 24 prescritti, i cfu acquisibili con modalità telematiche, e omettendo più specifiche prescrizioni, legittimino implicitamente per gli altri crediti un ricorso alle lezioni in videoconferenza in diretta, che si integrano così con le lezioni online, secondo i criteri di un sistema blended o misto. Per adempiere a tale finalità e a tutela dei propri corsisti, ICOTEA a breve organizzerà videoconferenze in diretta e videolezioni svolte dai vari Docenti dei Master.

- ICOTEA attivando le procedure sta già per accedere definitivamente al sistema dell’alta formazione, ad ulteriore e definitiva salvaguardia e garanzia dei corsisti e dei titoli rilasciandi. Il nostro istituto non sta ricercando né collaborazioni né convenzioni con istituti universitari, perché esse sono precluse dalle norme sopra citate.

- E’ comunque certo che i Master ICOTEA si concluderanno, con i relativi attestati, in tempo abbondantemente utile alla partecipazione al concorso per Docenti, prevedibilmente bandito nella primavera inoltrata del prossimo anno. Tale tempistica, in uno con la regolarità dei titoli rilasciati e della certificazione finale, che conterrà il richiamo ai CFU, SSD e valutazioni, conformi agli obiettivi dell’atteso concorso, consente all’ Istituto di mettere al sicuro i propri iscritti, specie riguardo al loro accesso al Bando in discussione. Si puntualizza infine che il Concorso docenti è riservato a coloro che intendono insegnare nelle scuole superiori di primo e secondo grado.

- ICOTEA rimarrà sempre al fianco dei propri corsisti, considerando la loro partecipazione al Concorso un obiettivo primario. In tal senso il nostro Istituto esprime ampia rassicurazione. L’ accesso al Concorso con i titoli Icotea è una garanzia fornita sin da ora.

ICOTEA investe nella formazione e non forma per investire. Da sempre!